Ultime notizie
Leggi il nostro blog per scoprire perché la privacy è importante. E non dimenticare di procurarti una mailbox crittografata!

Google è diventato troppo potente - è tempo di un indice di ricerca europeo!

L'ultima multa antitrust di Google da parte dell'UE mostra perché il potere di Google deve essere limitato.

2021-11-12
Questa settimana Google ha perso un appello contro una massiccia multa dell'UE per aver schiacciato i servizi di shopping rivali sul suo motore di ricerca. La multa di 2,4 miliardi di euro è stata emessa nel 2017 perché Google ha visualizzato il proprio servizio di confronto dei prezzi in cima ai risultati di ricerca, il che ha portato ad un enorme svantaggio per i concorrenti. Indipendentemente dalla multa, Google detiene ancora così tanto potere sui nostri risultati di ricerca che definisce come vediamo il mondo. Questo deve cambiare.

Il potere di Google

La maggioranza degli europei usa la ricerca di Google per filtrare il web. L'enorme quota di mercato dà a Google un potere immenso, di cui l'azienda ha - ripetutamente - abusato in passato.

Nella sua sentenza contro Google, il tribunale ha detto: "Favorendo il proprio servizio di shopping comparativo nelle sue pagine di risultati generali attraverso una visualizzazione e un posizionamento più favorevoli, mentre relegava i risultati dei servizi di confronto concorrenti in quelle pagine attraverso algoritmi di ranking, Google si è allontanato dalla concorrenza nel merito."

La multa era stata originariamente emessa nel 2017, un record all'epoca (e anche la prima di tre multe antitrust emesse dall'UE negli ultimi anni). Ma a causa della lunga indagine giudiziaria, Google ha potuto rafforzare ulteriormente la sua posizione dominante sul mercato.

Shivaun Raff, l'amministratore delegato e co-fondatore di Foundem, un servizio di shopping comparativo in Europa che ha contribuito a presentare la denuncia originale contro Google, ha detto: "Mentre accogliamo con favore la sentenza di oggi, non annulla il considerevole danno al consumatore e anticoncorrenziale causato da più di un decennio di pratiche di manipolazione della ricerca insidiose di Google".

Tuttavia, il caso ha stabilito un precedente per quanto riguarda il modo in cui l'UE gestisce i reclami relativi alla preminenza che Google dà alle proprie mappe, ai risultati dei prezzi dei voli e alle inserzioni commerciali locali all'interno dei suoi strumenti di ricerca.

La storia dell'UE contro Big Tech

L'ultima sentenza contro Google arriva nel mezzo di una serie di sforzi per tenere a freno le principali aziende tecnologiche statunitensi, tra cui Google, Apple, Facebook, Amazon e Microsoft. Le aziende sono state accusate di eludere le tasse, soffocare la concorrenza, rubare i contenuti dei media e minacciare la democrazia diffondendo fake news.

Attualmente, l'UE sta anche lavorando al Digital Markets Act (DMA) per regolamentare meglio la Big Tech e limitare il potere delle grandi aziende tecnologiche (americane). In questo momento, le grandi aziende tecnologiche possono mantenere e aumentare la loro quota di mercato offrendo app predefinite, motori di ricerca predefiniti, ecc. attraverso i loro prodotti come telefoni, browser, ecc, una pratica che deve essere fermata.

La vicepresidente della Commissione Margrethe Vestager ha paragonato la portata delle proposte legislative all'introduzione dei primi semafori:

"I semafori sono stati sviluppati in risposta a un'innovazione tecnologica fondamentale: l'invenzione dell'automobile. E penso che proprio come allora - più di 100 anni fa - ora abbiamo un aumento così grande nell'uso di Internet che abbiamo bisogno di nuove regole che portino ordine nel caos".

Il problema è che Google è sia un fornitore di servizi che una piattaforma, ed è stato dimostrato più volte che ha favorito i propri servizi sulla propria piattaforma. Mentre Google ha dovuto pagare miliardi finora in multe, la pratica sembra non essersi fermata del tutto.

Tuttavia, il problema del potere dei motori di ricerca può avere conseguenze molto più gravi di quelle economiche.

Enorme potenziale di abuso

Oggi, il motore di ricerca di Google detiene circa il 90% della quota di mercato in Europa. Questo è problematico perché i motori di ricerca sono la nostra finestra sul mondo. Tuttavia, usare un motore di ricerca alternativo non risolve nemmeno il problema.

A livello globale ci sono quattro indici di ricerca disponibili: Google (USA), Bing (USA), Yandex (Russia) e Baidu (Cina). Questi indici sono utilizzati da vari motori di ricerca, ma l'output - i risultati della ricerca - sono ancora definiti da Google, Bing, Yandex o Baidu, a seconda del servizio utilizzato.

Yandex in Russia e Baidu in Cina rendono chiaro quanto possa essere devastante il potere dei motori di ricerca. Qui i contenuti vengono filtrati e censurati secondo le idee politiche. In Cina, per esempio, il massacro di Tianmen, in cui le proteste studentesche furono represse con violenza, non può essere trovato tramite il motore di ricerca Baidu.

A causa della mancanza di trasparenza dei loro algoritmi, i motori di ricerca sono particolarmente vulnerabili alla manipolazione politica ed economica. Possono essere usati impropriamente come strumento di opinion mongering, il che è ovviamente un enorme pericolo per la democrazia e la libertà di espressione.

Dipendenza da algoritmi segreti

Il modo in cui gli algoritmi di classificazione funzionano, come definiscono l'ordine dei risultati di ricerca, è tenuto segreto dai fornitori di motori di ricerca. Da un lato, questa è una mossa comprensibile, perché se gli algoritmi fossero trasparenti e facili da capire, praticamente chiunque avrebbe la possibilità di manipolare la presentazione dei risultati dei motori di ricerca. D'altra parte, gli algoritmi non trasparenti rendono difficile capire se i risultati di ricerca sono liberi da manipolazioni.

In linea di principio, questo significa che gli algoritmi trasparenti facilitano la manipolazione dall'"esterno", mentre gli algoritmi non trasparenti permettono la manipolazione dall'"interno", per esempio dal fornitore stesso del motore di ricerca.

Motore di ricerca alternativo

Tutto questo, nel suo insieme, è una minaccia per l'Europa come libera democrazia: Il modo in cui vediamo il mondo dipende dalle aziende americane: Alphabet e Microsoft (le società madri di Google e Bing).

L'informazione disponibile su Internet è gestita da USA, Russia e Cina, poiché hanno uno o più indici di ricerca.

Usare i motori di ricerca russi o cinesi come alternative è fuori questione a causa della loro evidente censura delle opinioni politicamente divergenti.

Indice di ricerca europeo

Tuttavia, ad oggi non esiste un indice di ricerca europeo. Dato l'immenso potere che passiamo alle aziende americane, è ora di avere un indice di ricerca open source, sviluppato qui in Europa.

Fortunatamente, c'è già un'iniziativa che lavora su questo, l'Open Web Index.

Un obiettivo dichiarato dell'Open Web Index è anche quello di separare l'indice dal servizio:

"Separare l'indice e i servizi permette a una moltitudine di servizi, esistenti come motori di ricerca o altro, di essere eseguiti su un'infrastruttura condivisa. ... Mentre i servizi sono autorizzati a fare la propria ulteriore indicizzazione per preparare i documenti, alcune indicizzazioni avanzate sono anche fornite dall'infrastruttura aperta. Inoltre, poiché i moderni motori di ricerca si basano molto sui dati di utilizzo, questi dati (soprattutto le query di ricerca indirizzate all'indice) sono raccolti e resi disponibili per il riutilizzo".

Motivi per l'indice di ricerca europeo

L'organizzazione per i diritti digitali Digitalcourage ha raccolto sei ragioni per cui un indice di ricerca europeo è necessario:

  1. L'Europa non sarebbe più dipendente dall'accesso agli indici di USA, Russia e Cina - rafforzando così la sovranità.

  2. Le leggi e i valori europei forniscono la struttura per l'indice di ricerca e quindi anche per i motori di ricerca e altri prodotti che si basano su di esso. Una diversità di motori di ricerca è favorevole alla democrazia in tutto il mondo.

  3. C'è la possibilità di nuovi modelli di business dei motori di ricerca che non siano "pseudo-liberi in cambio dei dati degli utenti". Per esempio, gli utenti potrebbero finanziare i motori di ricerca di loro scelta - per abbonamento, come cooperativa, o attraverso donazioni.

  4. L'UE può garantire che l'indice sia utilizzabile a condizioni eque e che ci sia una sana concorrenza.

  5. Attualmente ci affidiamo a singoli motori di ricerca che non ci permettono di vedere come sono costruiti i loro algoritmi di ricerca e le raccolte di dati. Questo permette la manipolazione e l'uso improprio.

  6. L'accesso ai dati, alle informazioni e alla conoscenza può attualmente essere limitato secondo gli interessi economici o politici del rispettivo fornitore.

Rompere il potere di Google

Mentre i tribunali europei e americani stanno cercando di limitare il potere di Google, ognuno può fare la sua parte in questo: Inizia il tuo viaggio verso deGoogle ora!

Controlla qui perché è anche il momento di abbandonare Gmail per un'email gratuita e criptata.

CARICA COMMENTI